It’s all good, man! | Better Call Saul

il

Better Call Saul appartiene al genere degli spin off che tutti vorremo vedere. Racconta la vita dell’avvocato moralmente discutibile Saul Goodman, che nella serie principale Breaking Bad curava gli interessi del celebre Walter White e della sua spalla Jesse Pinkman.

Il personaggio meritava certamente il suo spazio ed infatti si sta rivelando, dopo due stagioni, un profilo psicologico a dir poco interessante. Prima di diventare Saul Goodman infatti il nostro avvocato era James McGill, che dopo aver passato parte della sua vita a mettere in atto piccole truffe ed essere stato salvato dalla prigione per l’ennesima volta dal fratello – anch’egli avvocato – Chuck, decide di dare una svolta alla propria vita, intraprendendo la via dell’uomo di legge. Questa decisione appare per lo più come un tentativo di imitare il fratello maggiore, uomo di successo e dalla vita ineccepibile.

Jimmy non è uomo cattivo, anzi. Puntata dopo puntata dimostra di avere un amore spropositato per Chuck e per la sua amata Kim e molte delle sue azioni non ortodosse vengono giustificate da questa volontà di proteggerli.

Non sappiamo cosa accadde a Chuck, che a noi è presentato come un uomo di successo colpito da paranoie psicotiche sull’elettricità, che gli impedisce di avere una vita normale. Tuttavia sappiamo che Chuck ha raggiunto posizioni di massimo spicco nel campo della legge e questo sembra dargli la sensazione di essere superiore al fratello, portandolo a comportarsi in modo tutt’altro che gentile, fino alla fine della seconda stagione, dove dimostra di tenere più a quel che resta della sua carriera professionale che al fratello.

Jimmy è un sognatore, schiacciato dalla dura realtà e tutti i suoi sforzi di avere successo seguendo le regole sembrano essere inconcludenti ancora prima di avere inizio. Si vede che la volontà non gli manca e ad un certo punto avrebbe anche la possibilità di affermarsi come avvocato per una nota firma, ma qui subentra il sognatore. Jimmy non riesce a vivere in un ambiente strutturato secondo regole altrui e ha il costante bisogno di costruirsi un mondo suo, che giri secondo le sue di regole.

Dopo aver visto Breaking bad non si può perdere Better Call Saul, non tanto in nome del successo ottenuto dalla serie principale, ma perché offre uno sguardo accattivante e credibile su uno dei personaggi più belli e importanti di quella serie. Ora non rimane che domandarsi che strada prenderà la vita di James e quando avverrà la trasformazione definitiva in Saul.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...